BRATUŽ LOJZE

BRATUŽ LOJZE (1902 - 1937)

compositore, direttore di coro

Immagine del soggetto

Lojze Bratuž in un ritratto giovanile.

Le vicende biografiche di B. sono drammaticamente legate al contesto storico e politico goriziano dei primi decenni del Novecento. La sua breve esistenza, iniziata a Gorizia nel 1902 e giunta a termine in seguito ad una brutale aggressione fascista nel 1937, va così contestualizzata all’interno della complessa realtà della minoranza slovena di cui egli è stato uno dei protagonisti. B. infatti era noto in tutto il territorio goriziano per la sua professione di maestro, che lo portava a spostarsi da un paese all’altro, e per le sue molteplici attività musicali. Dapprima cantore e organista parrocchiale, poi direttore di cori e insegnante di musica nel Seminario minore, egli divenne ben presto uno dei principali artefici del “rinascimento culturale” degli sloveni, esternato in un fervore di movimenti associativi a partire dagli anni Venti. Anni in cui l’attività corale, a cui guardava con interesse sia il mondo cattolico che quello socialista, rappresentava un motivo di forte coesione sociale al punto da essere rigidamente controllata dalle autorità del regime. Nel 1922 egli fondò così il coro Mladika, istituzione che accolse nelle proprie fila persone di umile estrazione, con cui valorizzò il repertorio di autori come Marij Kogoj e Anton Lajovic, e due anni dopo partecipò alla nascita e redasse il progetto all’atto costitutivo della Pevska zveza, associazione che raccoglieva e coordinava le quasi ottanta formazioni allora presenti nel territorio. B. lavorò instancabilmente per definire con chiarezza le finalità dell’associazionismo corale – lungi dall’esaurirsi nel semplice intrattenimento, a suo avviso doveva piuttosto mirare alla divulgazione della musica popolare e d’autore – e le modalità della sua presenza nel territorio. ... leggi Alla fine del 1929 l’arcivescovo di Gorizia lo nominò ispettore arcivescovile dei cori parrocchiali della diocesi, mentre Cesare Augusto Seghizzi lo avrebbe voluto suo successore nella direzione del coro del duomo di Gorizia. In questo contesto egli pensò anche all’istituzione di una scuola per organisti, che però non sarebbe riuscito a portare a compimento. Autodidatta, B. fu autore di musica sacra, con oltre cento canti corali scritti prevalentemente in lingua slovena e alcuni piccoli pezzi riportanti storie dell’Antico e Nuovo Testamento espressamente finalizzati alla catechesi dell’infanzia, e di musica profana in cui si cimentò nell’elaborazione di canti popolari. Nelle composizioni sacre, a cui dedicò le maggiori attenzioni, egli riuscì a conciliare i dettami ceciliani con la freschezza sorgiva della musica popolare. Testimonianza, questa, dell’identità della propria musica e della sua autonomia dalla tradizione ecclesiastica romana.

Chiudi

Bibliografia

Edizioni: Lojze Bratuž. 1902-1937. Zbrano skladateljsko delo, a cura di I. FLORJANC, Gorizia, Grafica Goriziana, 2005.

R. BEDNARIK, Mladika, in Jadranski almanah za Leto 1925-1930, Gorica, Adrija, 1930, 47-52; Lojze Bratuž 50 anni dopo. Atti del convegno, a cura di M. e R. LOIK, Gorizia, Provincia di Gorizia, 1989; Gorizia nella letteratura slovena. Poesie e prose scelte, a cura di L. BRATUŽ, Gorizia, Goriska Mohorjeva družba, 1997; M. KACIN-WOHINZ - J. PIRJEVEC, Storia degli sloveni in Italia: 1866-1998, Venezia, Marsilio, 1998; ARBO, Musicisti; M. KACIN-WOHINZ, Vivere il confine: sloveni e italiani negli anni 1918-1941, Gorizia, Goriška Mohorjeva družba, 2004.

Nessun commento

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *