COLAUZZI DOMENICO

COLAUZZI DOMENICO (1820 - 1892)

ecclesiastico, teologo, docente

Immagine del soggetto

Il pittore Arturo Colavini (Udine, Civici musei, Fototeca).

Nato a Castel d’Aviano (Pordenone) il 21 maggio 1820, fu ordinato sacerdote nel 1845 dopo gli studi nel Seminario portogruarese. Frequentò la Facoltà teologica a Padova per passare presto al celebre Istituto statale viennese Frintaneum dal 1846 al 1848 e – dopo un’interruzione durante la quale tornò come insegnante al Seminario d’origine – dal 1849 agli inizi del 1852; si laureò nel dicembre del 1851 a Vienna con una dissertazione sulle opinioni di sant’Agostino e di san Tommaso sui bambini che muoiono senza battesimo. Diventò già nell’anno accademico 1852-1853 docente di teologia morale all’Università di Padova, dove in seguito fu anche magnifico rettore per un breve periodo nel 1864-1865. Nel 1860-1862 diede alle stampe un corposo Compendium theologiae moralis S. Alphonsi Mariae de Ligorio in due volumi, nel quale sosteneva apertamente l’equiprobabilismo di sant’Alfonso Maria de’ Liguori contro altre teorie all’epoca in voga, dimostrando aperte simpatie rosminiane. Il testo fu usato nello studio teologico patavino soltanto fino al 1867, quando fu accantonato con molta probabilità proprio per le fiere polemiche insorte contro le idee di Rosmini. Rientrato nuovamente in quello stesso anno nella diocesi concordiese, forse a causa delle problematiche accennate, C. fu docente di teologia morale e fondamentale e di catechismo romano fino al 1879 nel Seminario di Portogruaro, prefetto degli studi e direttore dello studio teologico. Nel 1871 pubblicò un forbito ma manierato Elogio funebre per il trigesimo di monsignor Sante Beacco. Dal vescovo Giovanni Cappellari nel dicembre del 1879 fu poi nominato parroco di Polcenigo, dove restò fino alla morte, avvenuta il 27 luglio 1892. Qui nel 1890 fu tra i soci fondatori, e probabilmente il principale fautore, della locale Cassa cooperativa di prestiti, una cassa rurale sorta con l’appoggio del politico ed economista padovano Leone Wollemborg.

Bibliografia

D. COLAUZZI, Compendium Theologiae moralis S. Alphonsi Mariae de Ligorio ad usum scholae concinnatum, 1-2, Padova, Tip. del Seminario, 1860-1862; ID., Elogio funebre di monsignor Sante Beacco […], Portogruaro, Tip. Castion, 1871. A. GAMBASIN, Il clero padovano e la dominazione austriaca. 1859-1866, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 1967, 212-215; ID., Il Frintaneum di Vienna e i Testimonia sui professori della Facoltà teologica dell’Università di Padova dal 1816 al 1873, «Quaderni per la storia dell’Università di Padova», 15 (1982), 61-104: 79, 81-82, 86, 90-94, 102; E. CONTELLI, Quando il denaro rendeva fratelli. Storia di una cassa cooperativa di prestiti o cassa rurale, in Polcenigo. Studi e documenti in memoria di Luigi Bazzi, a cura di A. FADELLI, Polcenigo, Fondazione ing. Luigi Bazzi e madre Ida, 2002, 163-176; PIGHIN, Seminario I, 204.

Nessun commento

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *