COMINI ANTONIO

COMINI ANTONIO (1731 - 1791)

verseggiatore

Nato ad Aiello nel 1731, fu esattore delle contee e quindi impiegato nella cancelleria di Duino. Dopo la laurea a Innsbruck, si dedicò con successo alla pratica forense senza trascurare la poesia, per la quale dimostrava una particolare propensione. Suoi componimenti poetici furono stampati in diverse raccolte goriziane, oltre che nella miscellanea intitolata Poesie di autori diversi per il signor Carlo Maria conte della Pace, edita a Venezia nel 1766. Fu arcade romano-sonziaco con il nome di Filisto Alcioneo e in questa veste pubblicò, nel 1781, un carme in occasione della morte dell’imperatrice Maria Teresa. Nel 1789 fu nominato giudice criminale dalla corte di Vienna e quindi eletto borgomastro di Gorizia. Concluse la sua carriera ricoprendo la carica di regio fiscale. Morì dopo il 1791.

Bibliografia

Ms BSI, Civica, 225.

DBF, 220; DI MANZANO, Cenni, 65; CODELLI, Scrittori friulano-austriaci, 79-82; DI MANZANO, Annali, VII, 274; G. PODRECCA, Guida dell’Isonzo, Milano, Mercurio, 1919, 202; FORMENTINI, Contea di Gorizia, 74; GROSSI, Annali della tipografia, 12-13, 20-21, 49-50, 88-90, 105; TAVANO, Gorizia: Friuli e non Friuli, 67.

Nessun commento

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *