FERUGLIO ANTONIO (1841-1911)

FERUGLIO ANTONIO (1841-1911)

vescovo

Immagine del soggetto

Il vescovo Antonio Feruglio.

Nacque a Feletto, oggi Feletto Umberto in comune di Tavagnacco, il 10 marzo 1841, primogenito di Giovanni Feruglio, di Feletto, e della prima moglie, Teresa Tonero, originaria di San Giovanni di Manzano (San Giovanni al Natisone); primo di undici fratelli, dei quali due sarebbero stati ordinati sacerdoti. Studiò con profitto nel seminario di Udine e fu ordinato sacerdote il 21 settembre 1863 a Gorizia. Successivamente fu inviato a Roma dove perfezionò la preparazione conseguendo la laurea in diritto canonico e in teologia, il magistero in lingua ebraica e il dottorato in filosofia scolastica. Tornato a Udine fu incaricato di insegnare grammatica in seminario e nel contempo divenne promotore fiscale della Curia. Il 5 settembre 1874 fu nominato professore di teologia morale e pastorale, incarico che ricoprì fino al 1881. Il 15 marzo 1878 divenne canonico onorario, canonico penitenziere l’8 febbraio 1881 e il 4 febbraio 1884 canonico teologo. Fu presidente della Commissione centrale diocesana per la riforma della Musica sacra e direttore della Pia opera per la propagazione della fede. Insieme ai due fratelli sacerdoti, Stefano e Domenico, collaborò con p. Luigi Scrosoppi nella direzione delle Casa delle derelitte e delle Suore della provvidenza e nel 1879 successe al fratello di quest’ultimo, p. Giovanni Battista, quale vicedirettore della Casa delle derelitte, di cui alla morte di Scrosoppi, nel 1884, divenne direttore. Nello stesso tempo assunse anche la direzione dell’Istituto delle Suore della provvidenza di S. Gaetano da Thiene, fondato da Scrosoppi nel 1845. Diede nuovo impulso all’Istituto portando a termine, insieme con la madre generale, suor Cecilia Piacentini, la redazione delle Costituzioni per l’approvazione dell’Ordine, conseguita il 23 settembre 1891. Il 3 agosto 1885 fu nominato vicario generale dall’arcivescovo di Udine Berengo, ma, appena un anno dopo, il 16 agosto 1886 chiese con una circostanziata lettera di essere sollevato dall’incarico, adducendone a motivo le sue già molteplici responsabilità, soprattutto quelle ecclesiali e pubbliche, cui, dopo la morte del padre (1882), si erano aggiunte quelle familiari, insieme con i gravi e pesanti problemi gestionali dei due istituti benefici. ... leggi Le sue dimissioni furono accettate dall’arcivescovo solo il 14 novembre 1887. Grazie anche al convinto appoggio dimostratogli da mons. Berengo, Leone XIII nel Concistoro segreto del 16 gennaio 1893 lo nominò vescovo di Vicenza; il 22 gennaio fu consacrato a Roma, e fece l’ingresso in diocesi il 27 maggio. Il mondo cattolico vicentino era allora diviso tra un’ala più aperta, incline ad avviare un nuovo rapporto con il mondo civile e sociale e un’ala maggioritaria, intransigente su posizioni rigorose di separazione con il nuovo Regno d’Italia. L’impegno preminente di F. fu quello di disciplinare le due correnti del mondo cattolico vicentino, senza cedere sui principi, e senza sopprimere gli aneliti di rinnovamento, ricercando sempre la mediazione e la composizione dei contrasti. Tra il 1895 e il 1909 portò a compimento la visita pastorale alle 218 parrocchie della diocesi. Nel 1900 promosse l’incoronazione solenne dell’effige della Madonna di Monte Berico, nell’ambito delle celebrazioni giubilari indette da papa Leone XIII. Riformò l’insegnamento della dottrina cristiana, introducendo un libro di testo unico e promuovendo la fondazione o la ricostituzione della Congregazione della dottrina cristiana in ciascuna parrocchia. Riformò il Seminario, introducendovi un nuovo regolamento (1893), sopprimendone l’annesso convitto e partecipando direttamente ai lavori della commissione per la disciplina e gli studi. Istituì e diresse il Consorzio S. Gaetano per la tutela degli emigranti (1901) allora molto numerosi in diocesi. La contrapposizione tra le due correnti del mondo cattolico vicentino, intanto, si era fatta sempre più aspra. Nel 1905 mons. F. diede un riassetto radicale alle forze del movimento cattolico, riformando tutto l’organigramma e costituendo un nuovo comitato diocesano. Poiché però i contrasti non si placavano, tra l’aprile e il novembre 1906, ebbe luogo la visita apostolica mirata alla ricomposizione delle divergenze. F., di fronte ai suggerimenti dati a seguito di questa visita dalla Congregazione del Concilio, continuò a mantenere una posizione mediana, accogliendoli solo in parte: allontanò due insegnanti dal seminario, come raccomandato anche da Pio X, però non sostituì il vicario generale e il provicario. Allorquando nel 1909 la nuova giunta comunale di Vicenza abolì l’insegnamento religioso nelle scuole elementari a nulla valsero i suoi appelli di Feruglio al sindaco per il ripristino. A causa delle precarie condizioni di salute mons. F. chiese a Pio X di essere sollevato dall’incarico e il 23 dicembre 1910 lasciò la diocesi di Vicenza ritirandosi nella sua casa di Staranzano (Gorizia). Il 4 gennaio 1911 il papa accettò le sue dimissioni nominandolo però vescovo titolare di Amiso. Morì l’8 febbraio 1911 a Staranzano e lì fu sepolto.

 

 

Chiudi

Bibliografia

ACAU, Nuovi manoscritti, 849; ACAU, Varie, 666, Patronato S. Spirito - mons Dal Negro, fasc. 1, Affari interni; ACAU, Patriarchi e arcivescovi, 937, Giovanni Maria Berengo, fasc. 4, lettera del 20 ottobre 1892; Archivio corrente della Curia, Vescovi originari della Diocesi, fasc. Antonio Feruglio. [M. Quaresima] Mons. dott. A. F. In memoria (parole dette ai funerali nella chiesa di Staranzano), Vicenza 1911; L. VENTURINI, S.E. mons. A. F. - secondo padre, in La Congregazione delle suore della provvidenza di Udine nel suo I centenario, 1845-1945, Udine 1947, 29 ss.; G. MANTESE, Memorie storiche della Chiesa vicentina, V, Dal Risorgimento ai nostri giorni, Vicenza 1954, 360-452; G. BIASUTTI, Padre L. Scrosoppi dell'Oratorio di s. Filippo Neri, fondatore delle suore della Provvidenza, Udine 1979, passim; G. MANTESE, La visita apostolica Bresciani del 1907, in Studi di storia sociale e religiosa. Scritti in onore di G. De Rosa, a cura di A. CESTARO, Napoli 1980, 1225-1253; N. FUREGON, I vicentini ieri. Aspetti sociali dall'unificazione alla fine dell'Ottocento e il ruolo dei cattolici, Vicenza 1981, passim; G. MANTESE, Il movimento cattolico vicentino tra "il vecchio" e "il nuovo" all'ingresso di mons. Rodolfi (1911), in ID., Scritti scelti di storia vicentina, I, Temi di storia medioevale, moderna e contemporanea, Vicenza 1982, 565-584; E. REATO, Per la storia del movimento cattolico: lettere inedite di Pio X, dei cardinali Rampolla e Merry del Val, di G. Toniolo al vescovo A. F. (1897-1907), in Onus istud a Domino. Il magistero pastorale di A. Onisto vescovo di Vicenza, a cura di T. MOTTERLE, Vicenza 1984, 481-497; M. NARDELLO, A. F., vescovo di Vicenza (1893-1910), introduzione a La visita pastorale di A. F. nella diocesi di Vicenza (1895-1909), a cura dello stesso, Roma 1985, IX-LX; E. REATO, Pensiero e azione sociale dei cattolici vicentini e veneti dalla "Rerum novarum" al fascismo (1891-1922), Vicenza 1991, passim; M. NARDELLO, La società vicentina dall'annessione del Veneto alla prima guerra mondiale, in Storia di Vicenza, IV, 1, L'età contemporanea, a cura di F. BARBIERI, G. DE ROSA, Vicenza 1991, 50-61; A. LAZZARETTO ZANOLO, La parrocchia nella Chiesa e nella società vicentina dall'età napoleonica ai nostri giorni, ibid., 206-210; G. MANTESE, Itinerario archivistico nella vita vicentina del secondo Ottocento, a cura di M. BRENTONICO, I, Vicenza 1992, 156-177, 281-323; M. NARDELLO, Da Porta Pia all'età giolittiana (1870-1910), in Diocesi di Vicenza, a cura di E. REATO, Padova 1994, 315-340; W. CESCHIA, Antonio Feruglio vescovo di Vicenza, zelante sotto tre papi: Pio 9., Leone 13., Pio 10., Udine 2003.

Nessun commento