GUGLIELMO (MIS) DA LYRA

GUGLIELMO (MIS) DA LYRA

scolastico, copista

Immagine del soggetto

Pagina iniziale del manoscritto Canon.Misc. 382 esemplato da Guglielmo da Lyra (Oxford, Bodleian Library).

Nacque nella prima metà del XV secolo a Lier (Belgio), cittadina fiamminga allora appartenente alla diocesi di Cambrai. Denominato variamente G. di Lyra, G. Teutonico o G. Mis, fu attivo presso la cattedrale di Concordia dove è attestato a partire dal 1451, anno in cui fu ordinato sacerdote subentrando al fratello Enrico nel ruolo di scolastico. Qui, oltre all’insegnamento, operò nello ‘scriptorium’ esistente presso la cattedrale. Della sua attività di copista rimane un solo lavoro, il manoscritto Canon. Misc. 382 della Bodleian Library di Oxford, noto soprattutto per la miniatura iniziale di pregevole fattura attribuita al maestro del Messale Barbo, attivo a Treviso e nel nord Italia nel sesto e settimo decennio del Quattrocento e a cui spetta tra l’altro parte della decorazione della celeberrima Bibbia di Borso d’Este. Il manoscritto, vergato in una elegante grafia umanistica, contiene il Belial seu Peccatorum consolatio di Iacopo da Teramo e il Transitus sancti Ieronimi di Eusebio e fu esemplato nel 1458, come attestano le sottoscrizioni apposte da G. Morì a Concordia il 3 marzo di un anno imprecisato, ma probabilmente del 1464; il 15 marzo di quell’anno, infatti, il vescovo Antonio Feletto si impegnava a restituire ai canonici di Concordia 20 ducati d’oro avuti in prestito e provenienti dall’eredità che il defunto G. aveva lasciato in legato al Capitolo «pro anniversario faciendo».

Bibliografia

ADP, Archivio Capitolare, Amministrazione, 26, f. 31v, 45v; ADP, Pergamene, Isontina 292 (1464 marzo 15). METZ, Concordia, 225-276: 231; G. STIVAL, Il Capitolo di Concordia e il Liber Anniversariorum, in La Chiesa concordiese 389-1989, II, La diocesi di Concordia-Pordenone, a cura di G.C. MOR, P. NONIS, Fiume Veneto, GEAP, 1989, 321-484: 352, 415; SCALON, Produzione, 68, 517-518; G. MARIANI CANOVA, Manoscritti miniati provenienti da Concordia: il manoscritto Canon. Misc. 382 del ‘Maestro del Messale Barbo’, in Tra Livenza e Tagliamento. Arte e cultura a Portogruaro e nel territorio concordiese tra XV e XVI secolo. Atti della giornata di studio, Portogruaro, 28 novembre 2008, a cura di A.M. SPIAZZI, L. MAJOLI, Vicenza, Terra Ferma, 2008, 127-137.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *