MEYER PIO

MEYER PIO (1873 - 1952)

organizzatore sociale, esponente del cooperativismo

Immagine del soggetto

Pio Meyer, segretario generale della Federazione delle casse rurali a Gorizia dal 1907 al 1915 (Gorizia, Biblioteca del Seminario teologico centrale).

Nacque a Lucerna, in Svizzera, nel 1873, ma studiò scienze economiche a Friburgo, Ratisbona e Vienna, e fece le sue prime esperienze cooperative nel Trentino. A Trento conobbe il presidente della Federazione delle casse rurali e dei sodalizi cooperativi del Friuli austriaco, Luigi Faidutti, che lo convinse a trasferirsi a Gorizia, dove operò quale segretario generale della Federazione dal mese di marzo 1907 al 1915; anzi, nel 1907 elaborò il nuovo statuto, quando il consiglio federale la trasformò da federazione di società in federazione di consorzi, per favorirne lo sviluppo. Ed effettivamente la Federazione passò da 42 associazioni e 5145 soci nel 1906 a 99 associazioni e 9241 soci nel 1914. La guerra tra l’Italia e l’Austria interruppe le attività della Federazione dei consorzi agricoli del Friuli, il cui personale si trasferì a Vienna, dove anche M. lavorò, fino alla disfatta italiana di Caporetto, quale segretario dell’ufficio operativo del Comitato profughi. Dopo Caporetto, M. e i suoi collaboratori ritornarono a Gorizia, per ricostruire le strutture dei singoli consorzi, minacciati di fallimento perché avevano perduto tutto a causa della guerra. Alla fine della guerra, sebbene non potesse contare più sull’aiuto dei dirigenti del Partito cattolico popolare, Luigi Faidutti e Giuseppe Bugatto, ai quali fu impedito di ritornare a Gorizia, riprese le sue conferenze e i suoi convegni, con soddisfazione generale, fino al 1923. Poi, in seguito ad alcuni insuccessi ed incomprensioni, lasciò Gorizia e andò nel Canton Ticino, dove lavorò per l’Organizzazione cristiano sociale del Canton Ticino (OCST) e dal 1925 al 1929 ne fu segretario cantonale. Nel 1929 ritornò nella natia Lucerna, dove scrisse un libro di memorie in cui esprimeva sincero affetto per il Friuli. Morì a Lucerna nel 1952.

Bibliografia

P. MEYER, Dreissig Jahre katholische Bauern-Organisation: Erinnerungen und Erfahrungen nebst einigen Nutzanwendungen für unsere Bauern, Uzwil, J. Fischer & C., 1929.

C. MEDEOT, Meyer, Pio (1873-1952, Lucerna), in Dizionario storico del movimento cattolico in Italia, III/2. Figure rappresentative, Milano, Marietti, 1984, 551; L’attività del partito cattolico popolare friulano negli ultimi venticinque anni (1894-1918), Vienna, Herold, 1919 (riedito con Introduzione e note a cura I. SANTEUSANIO, Gorizia, ISSR, 1990); G.F. CROMAZ, «Una esposizione spassionata intorno a certi avvenimenti sul campo sociale cattolico di Gorizia». Nuovi documenti su Pio Meyer, in S. CAVAZZA - M. GADDI, Figure e problemi dell’Ottocento goriziano, Gorizia, ISSR, 1998, 119-149; P. MALNI, Fuggiaschi. Il campo profughi di Wagna 1915-1918, San Canzian d’Isonzo, Consorzio culturale del Monfalconese, 1998, 36.

Nessun commento

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *