BURATTO FABIO (1940-2014)

BURATTO FABIO (1940-2014)

statistico

Immagine del soggetto

Il professor Fabio Buratto.

Nacque a Crocetta del Montello (Treviso) il 10 febbraio 1940. Laureato in Scienze Statistiche ed Attuariali nell’Università La Sapienza di Roma, dal 1966 al 1972 fu professore aggregato di Statistica Sociale nella Facoltà di Scienze Sociali della Pontificia Università Gregoriana di Roma. In questo stesso periodo fu vice direttore del Centro Internazionale di Ricerche Sociali (CIRIS) dell’Università Gregoriana, diretto dal sociologo prof. Emile J. Pin. Nell’ambito dell’attività del Centro ha tenuto alcuni seminari specialistici sull’uso dei metodi quantitativi nella ricerca sociale e diretto molte ricerche empiriche, alcune delle quali pubblicate. Dal 1970 al 1972 ha operato nell’ISVET (Istituto per gli studi sullo sviluppo economico ed il progresso tecnico) in qualità di direttore di ricerca. Come visiting professor nel 1974, per conto del Ministero degli Affari Esteri tenne due corsi istituzionali di Statistica e Statistica Economica nell’Università di Asmara dove attivò un seminario di studio e ricerca sui problemi dello sviluppo agricolo in Eritrea. Dal 1970 al 1979 insegnò Statistica nella Facoltà di Giurisprudenza – Corso di Laurea in Scienze Politiche – dell’Università di Sassari. Dal 1° novembre 1979 si trasferì nella neonata Università di Udine come docente di Statistica e Calcolo delle Probabilità nella facoltà di Ingegneria. Nel 1985 vinse il concorso a cattedra di Statistica sociale. Nell’ateneo friulano svolse una intensa attività didattica e partecipò attivamente alla vita dell’ateneo fino al momento della collocazione in quiescenza nel 2009. In particolare va ricordato l’apporto fondamentale per la costituzione e l’impostazione del Nucleo di valutazione dell’attività didattica, di cui fu presidente dal 1993 al 1998 e componente fino al 2009. Il Nucleo, voluto dal rettore Marzio Strassoldo per monitorare e migliorare la qualità della didattica, rappresentava una novità nel sistema universitario italiano; basti pensare che buona parte degli atenei introdusse la valutazione dell’insegnamento da parte degli studenti solo dopo il 2010. A Udine B. non si dedicò solo alla didattica e alla vita accademica, ma svolse numerose ricerche sul mercato del lavoro e sull’artigianato locali, fornendo un valido contributo per la definizione delle politiche regionali e provinciali in tali settori, e partecipò a varie iniziative di formazione per imprenditori e funzionari pubblici. ... leggi Svolse anche ricerche sul turismo regionale. Fu presidente dell’Istituto Regionale di Ricerca e Sperimentazione (IRRSAE del Friuli Venezia Giulia) dal 1985 al 1990. In tale veste promosse la documentazione didattico-pedagogica, avviando la collana di studi e ricerche dell’Istituto, e implementò il Piano quinquennale di formazione dei docenti della scuola elementare in attuazione dei nuovi programmi di insegnamento, piano che coinvolse cinquemila docenti della regione e vide la partecipazione delle due università regionali. Negli ultimi anni di insegnamento svolse seminari tematici nei master dell’Università di Udine in “Sviluppo turistico del territorio” e in “Management aziendale della prevenzione e protezione dai rischi professionali”. L’impegno nell’Università di Udine e l’interesse per i problemi socio-economici locali si accompagnarono ad una attiva presenza nella comunità scientifica nazionale: tra l’altro, dal 1999 al 2002 fu vice presidente della Società Italiana di Economia, Demografia e Statistica. Morì a Sernaglia della Battaglia (Treviso) il 12 maggio 2014.

Chiudi

Bibliografia

PUBBLICAZIONI DI FABIO BURATTO: Cooperazione e Socializzazione, con B.Benvenuti e E. Pin, Roma, Univ. Gregoriana Ed., 1966; I lavoratori nell'industria italiana, con G. De Santis e A. Ventrella, Milano, F. Angeli Ed., 1974; La città come rapporto sociale, con M. Lelli, Bari, De Donato Ed., 1975; La mobilità degli studenti serali nell'istruzione secondaria superiore in Italia, Milano, F. Angeli Ed., 1980; L'offerta di lavoro in provincia di Udine, «Identità», settembre 1982; La domanda di lavoro in provincia di Udine, «Identità», giugno 1983; La formazione della domanda di lavoro, con B. Tellia, Milano, F. Angeli Ed., 1985; L'artigianato in Friuli-Venezia Giulia, con B. Tellia e C. Gottardo, Milano, F. Angeli ed., 1985; Contesti di qualità della vita: problemi e misure, con altri, Milano, F. Angeli Ed., 1999; La qualità totale della didattica, in L’azienda Università, Le sfide del cambiamento, a cura di M. Strassoldo, Torino, Isedi, 2001; Le problematiche del turismo in Friuli V. Giulia, in Analisi dei mercati turistici regionali e sub regionali, Padova, CLEUP, 2004; Atteggiamenti e comportamenti turistici nelle provincie di Udine e Bologna, a cura di F. Buratto, A. Cazzola), Padova, Cleup, 2005; Statistica sociale e metodologia della ricerca sociale. Sovrapposizioni e contrapposizioni epistemologiche e metodologiche, in La ricerca sociale partecipata, a cura di A. Pacinelli, F.D. D’Ovidio, Padova, Cleup, 2009.

Nessun commento

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *