FANTONI TONCI (ANTONIO)

FANTONI TONCI (ANTONIO) (1898 - 1983)

pittore, funzionario

Di origine dalmata, nacque ad Almissa (Omis) nel 1898 e morì a Trieste nel 1983. Studiò all’Accademia di Venezia e, dopo la fine della seconda guerra mondiale, si laureò in scienze economiche a Roma. Dopo un periodo di lavoro come funzionario di banca, fu assunto dall’ACI e prestò servizio a Milano, Taormina, Genova; quindi, nel 1938, venne nominato direttore della sezione cittadina di Gorizia. Artista schivo e riservato, per lungo tempo si astenne dal partecipare a concorsi e mostre; rare anche le personali a lui dedicate fino al 1955, quando allestì un’esposizione nella Sala comunale d’arte di Trieste. Nello stesso anno, l’Associazione per la promozione delle arti in Italia organizzò un’antologica a Gorizia, in occasione della quale Decio Gioseffi gli dedicò una lusinghiera critica, mentre Giulio Montenero sottolineò la difficoltà ad etichettare un artista in possesso di «un estro così forte da scoraggiare qualsiasi tentativo di collocazione geografica o temporale». Sporadiche ma prestigiose le sue partecipazioni alle grandi manifestazioni artistiche: nel 1948 alla Biennale di Venezia presentò un vibrante Autoritratto; inoltre apparve tra gli espositori della VII Quadriennale d’arte di Roma (1° novembre 1955 – 30 aprile 1956). Si dedicò principalmente alla tecnica dell’acquarello, che utilizzò in modo magistrale; era a conoscenza delle tendenze artistiche a lui contemporanee, tuttavia non aderì ad alcun movimento, preferendo una ricerca personale in cui fondeva e armonizzava realismo e immaginazione. ... leggi I soggetti variano dai ritratti alle nature morte e ai paesaggi, realizzati con l’utilizzo di colori tenui e delicati, in armonica composizione tra loro e stesi con una pennellata leggera, che talvolta lascia intravedere il supporto sottostante. Per F. la pittura è espressione del sentimento e dell’interiorità, mediate sempre, tuttavia, dalla ragione, come si evince dalla corretta e meditata costruzione compositiva. Molte sue opere sono conservate non solo in collezioni private, ma anche in istituzioni museali pubbliche: una Figura di adolescente al Museo Revoltella di Trieste, un paesaggio nei Musei Provinciali di Gorizia. Un Paesaggio ligure è attualmente presso la presidenza del Consiglio dei ministri a palazzo Chigi a Roma. È stato maestro della pittrice e musicista goriziana Cecilia Seghizzi Campolieti.

Chiudi

Bibliografia

D. COLOSETTI, Mostra del pittore Tonci Fantoni, Gorizia, s.n., 1955; G. BRADASCHIA, Andiamo insieme a visitare i Musei Provinciali di Gorizia, Gorizia, Amministrazione provinciale di Gorizia, 1980, 93; F. MONAI, Tonci Fantoni, «Iniziativa Isontina», 79 (1982), 43-45; DAMIANI, Arte del Novecento II, 122, 123; C.H. MARTELLI, Dizionario degli Artisti di Trieste, dell’Isontino, dell’Istria e della Dalmazia, Trieste, Hammerle, 1997, 337; E. GODOLI, Il Dizionario del Futurismo, Firenze, Mart-Vallecchi, 2001, 709, voce.

Nessun commento

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *