MENGHI TIBERIO

MENGHI TIBERIO

organaro

Definito «veneto» dalla sola documentazione udinese per una sua probabile residenza in Venezia, tutti gli altri documenti che lo riguardano lo indicano «da Forlì». Si sa che nel 1590 era impegnato nella revisione e nell’accordatura dell’organo della chiesa grande di Valvasone; lo stesso anno in analoghe operazioni allo strumento della parrocchiale di San Daniele del Friuli; nel 1591 nell’accordatura degli organi del duomo di Udine; nel 1593 e nel 1602, in forza di apposito contratto, era preposto alla conservazione degli organi della basilica di S. Pietro in Vaticano.

Bibliografia

VALE, Organo, 45; L. LUNELLI, L’arte organaria del Rinascimento in Roma e gli organi di S. Pietro in Vaticano dalle origini a tutto il periodo frescobaldiano, Firenze, Olschki, 1958 («Historiae musicae cultores», X), 79; LUNELLI, Studi, 202; STELLA - FORMENTINI, Valvasone, 13, 97.

Nessun commento

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *