MICHELI DOMENICO

MICHELI DOMENICO (1530 - 1580)

ecclesiastico, maestro di cappella, compositore

Prete e compositore, nato intorno al 1540 a Bologna e ivi morto intorno al 1590. Ricevette i primi rudimenti musicali in S. Petronio e, sempre nella sua città natale, compose anche i primi due libri di madrigali. Il 4 aprile del 1567 fu eletto maestro di cappella e mansionario in duomo a Udine, in sostituzione di G. Martinengo, con un supplemento di stipendio per istruire gratuitamente i chierici addetti alla chiesa «in artificio canendi cantum firmum et figuratum, musicae in choro faciendae curam gerendo, et alia omnia faciendo, quae ad suum officium pertinebant». Il M., poco dopo essersi insediato, se ne tornò a Bologna «ad curandas res suas» promettendo di rientrare entro pentecoste; il 12 settembre seguente, rimasti senza esito i richiami privati e pubblici, i canonici udinesi lo privarono della mansioneria e della direzione della cappella. Nel periodo della condotta udinese uscirono a Venezia i suoi Madrigali […] a sei voci, libro terzo, rivisti da C. Merulo e dedicati a L. Campeggi arcidiacono di Bologna con lettera datata 25 maggio 1567. Successivamente, per lunghi anni, a partire certamente da prima del 1577, il M. come musico e precettore fu al servizio della famiglia Malvasia dapprima a Cesena con Cornelio e in seguito (perlomeno dal 1581) a Ravenna, col figlio di questi Innocenzo, tesoriere del papa nella provincia di Romagna e poi chierico della camera apostolica. Nel frattempo aveva concorso senza successo al ruolo di maestro di cappella in S. Petronio a Bologna (aprile 1577) e nella cattedrale di Padova (novembre 1580). Finalmente nel 1588 divenne maestro di canto in S. Pietro a Bologna e l’anno seguente fu promosso maestro di cappella. La sua produzione musicale superstite comprende cinque libri di madrigali perlopiù a cinque voci editi a Venezia tra il 1564 e il 1581, uno di messe (1584), e diverse composizioni in antologie a stampa e manoscritte dell’epoca.

Bibliografia

ACU, Acta capituli Utinensis, 12, f. 84v, 97v, 99v-100r.

FÉTISB, VI (1878), 134; DEUMM, V (1988), 87; D. NUTTER, Micheli Domenico, in NGii, XVI, 597; F.R. ROSSI, Micheli Domenico, in MGGna, Personenteil, XII (2004), col 168-169; RISM A/I/5 M 2676-2681; NVOGEL, II, 1138-1141, ni 1841-1845; RISM B/1 1570/15, 1575/14, 1577/7, 1586/9, 1590/13, 1600/8, 1605/6, 1616/18; VALE, Udine, 114; R. CASIMIRI, Musica e musicisti nella cattedrale di Padova nei secoli XIV, XV, XVI. Contributo per una storia, «Note d’archivio per la storia musicale», XVIII (1941), 1-31, 101-214: 112, 113; XIX, 49-92: 70; F. PIPERNO, Gli «Eccellentissimi musici della città di Bologna». Con uno studio sull’antologia madrigalistica del Cinquecento, Firenze, Olschki, 1985; O. GAMBASSI, La cappella musicale di S. Petronio. Maestri, organisti, cantori e strumentisti dal 1436 al 1920, Firenze, Olschki, 1987, 452-453.

Nessun commento

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *