CANCIANI FLORIO GIULIANA

CANCIANI FLORIO GIULIANA (1912 - 1985)

imprenditrice, possidente

Immagine del soggetto

Ritratto di Giuliana Canciani Florio, olio su tela di Franz Lenhart, 1953 (Persereano, collezione Florio).

Nacque a Varmo (Udine) il 4 novembre 1912 da una famiglia di possidenti, classificata in età napoleonica, con Vincenzo Canciani, tra quelle dei maggiori “estimati” di Udine per le fortunate imprese commerciali, imparentatasi attraverso legami matrimoniali con la grande nobiltà friulana, i di Varmo e i Manin. Dal padre Giacomo C. ereditò nel 1930, a diciotto anni, le tenute di Varmo e Santa Marizza nella bassa pianura friulana. Nel 1936 sposò il conte Francesco (Cino) Florio, la cui sorella Emanuella era moglie di Italo Balbo. Dopo la tragica morte del marito, che si trovava sullo stesso aereo di Balbo abbattuto a Tobruk il 28 giugno 1940, C., ormai conosciuta come “contessa Florio”, si dedicò alla gestione dei propri beni e di quelli della figlia Francesca (1938-2000), avvalendosi di amministratori di fiducia, tra cui Giovanni Fornaciari, dopo aver ripreso gli studi ed essersi laureata nel 1945 in agraria all’Università di Bologna. Attiva nell’associazionismo, nella beneficenza e nel volontariato, in particolare quale dama dell’ordine di Malta, fu anche amica di artisti e letterati, tra cui Elio Bartolini e Sergio Maldini, che la adombrò nel personaggio della principessa Maria Luisa Sabot nella Casa a Nord-Est. Nel 1980 la “contessa Florio” vendette il settecentesco palazzo udinese dei Florio perché fosse sede della nuova Università di Udine, salvando dalla dispersione la superba biblioteca storica di famiglia – il cui nucleo centrale era stato raccolto da Daniele Florio – con piena coscienza del suo valore culturale, per trasferirla con le scansie originarie in un ampio corpo laterale, adattato a tale funzione, della settecentesca villa di campagna di Persereano, da tempo scelta per sua residenza. Morì in un incidente d’auto a Gradiscutta presso la nativa Varmo il 2 novembre 1985.

Bibliografia

L. CARGNELUTTI, L’imperatrice del mais. Giuliana Canciani Florio nel Friuli del ’900, Venezia, Marsilio, 2007.

Nessun commento

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *